A Giovanni Paolo II


Si evolve
nella notte
la sofferenza del papa
Preparo
all'alba le mia cose
avviandomi al lavoro
Prego
lungo la strada
sull'autobus
in stazione
Prego....pensandolo
accetto
in cuor mio
la volontà superiore
Lavoro tristemente
Pregando ancora..
..ancora
Scorre
davanti a me
la sua vita
Intensa
Umile
Coraggiosa.

Condivido la sofferenza
Consapevole dell'importanza
Camminando lentamente
ritorno a casa
Timorosa
Poi...più veloce
cercando notizia
Sono vicina a Lui 
come tanti
in questo momento estremo.

Gli occhi
pieni di lacrime
raccolgono il suo insegnamento
Ancora prego
osservando le violette
davanti casa mia
Penso a lui
Penso a me
sento Dio.

Inebriata e commossa
vivo questo giorno
ricolmando del suo amore
ogni mio pensiero
Ricambiandolo
cosciente dell'esistenza
sempre
di un disegno più grande.

(da Meta-morfo-si di Pia Claudia Moretti e Quadro acrilico in selezione sulla rivista ARTE dedicato a Papa Giovanni Paolo II )



Commenti

Post popolari in questo blog

Ciclicità