Intensamente

Osservo l'orizzonte
libero la mente
istanti infiniti
indescrivibili

Tremolante stelo
rapito dai venti
ondeggi
ai raggi del sole

Fra queste mura
pesanti di dolore
senza confine
senza colore


Si perde lo sguardo
senza amore
all'inesorabile giro
nella serratura del cuore.

(da meta-morfo-si di Claudia Moretti)

Commenti

Post popolari in questo blog

Ciclicità